Estrazione dente del giudizio

Quando bisogna procedere all’estrazione dei denti del giudizio

 

In questa fase è molto importante consultare il dentista: se non sussiste la possibilità che venga compromesso l’allineamento dei denti e non ci sono altri sintomi i denti del giudizio non devono essere estratti, ma è sufficiente che vengano monitorati con costanza.

Si deve invece procedere all’estrazione dei denti del giudizio quando:

  • il dente spunta solo per una piccola parte dalla superficie delle gengive (inclusione dentale), rischiando di causare infezioni, carie e infiammazioni croniche che possono provocare poi varie patologie, fra cui la parodontite;
  • i denti del giudizio fuoriescono orizzontalmente per mancanza di spazio causando una pressione sugli altri denti che provoca dolore (asse di crescita inclinato);
  • il dente è molto compromesso da carie, cisti e granulomi, con il rischio di gravi complicanze e che siano intaccati i denti vicini;
  • il dente non è perfettamente allineato con gli altri denti e la sua posizione anomala ostacola una corretta igiene dentale, accrescendo il rischio di carie;
  • i denti del giudizio crescono male e causano avvallamenti gengivali, che sono terreno fertile per il proliferare di batteri e per la sedimentazione della placca;
  • i denti del giudizio sono più di quattro e per mancanza di spazio potrebbero rovinarsi o scheggiarsi;
  • si è in presenza di un’infezione;
  • vi è un eccessivo affollamento dentale e un’accurata igiene dentale risulta difficoltosa.

Come si svolge l’intervento di estrazione dei denti del giudizio

 

Dopo aver analizzato il caso clinico e aver svolto gli esami necessari l’odontoiatra presenta l’intervento e le tipologie di anestesia.

Dopo aver effettuato l’anestesia si procede con l’apertura dei tessuti intorno al dente e la rimozione di pus o schegge contenute all’interno per poi concludere disinfettando accuratamente l’area interessata e mettere alcuni punti di sutura per richiudere il tessuto gengivale.

È molto importante restare a riposo, astenersi dal fumo, dal consumo di cibi duri e bevande gassate ed evitare di masticare dal lato interessato dall’intervento per un paio di settimane dopo l’estrazione. In caso di dolore si potrà trovare sollievo con impacchi, ghiaccio e risciacqui con colluttori appositi.

Dopo circa una settimana il dolore comincerà a diminuire di intensità. Si tratta di un intervento di routine, ma talvolta possono presentarsi alcune controindicazioni dopo lo svolgimento dell’intervento come ad esempio dolore, sanguinamento e temporanea perdita di sensibilità del labbro e della lingua. Anche se è l’estrazione dei denti del giudizio è molto comune spesso può causare preoccupazione ed ansia in chi vi si deve sottoporre.

Noi di Cristaldent abbiamo maturato una vastissima esperienza in materia e con un intervento sicuro e professionale ti garantiremo nuovamente salute e benessere, in totale serenità.